fbpx
Seleziona una pagina

 

Incipit: breve elogio dell’inizio

Avevo fatto una scommessa.

Desideravo preparare un testo dove si parlasse dell’inizio, degli inizi, delle prime volte e di quanto tutto ciò spesso ci affascini a tal punto da catturarci, tenerci incollati ad una pagina se è un libro, al video se è un post o un articolo. 

In questi tempi di isolamento, i consulenti di marketing e copywright dobbiamo trovarceli in casa… Ne avevo parlato con mio figlio ventenne, che in questi giorni mi sta aiutando a stendere i testi per il blog. E lui era stato molto critico: “Che razza di tema è, l’incipit? A chi vuoi che interessi!”

Allora, abbiamo fatto una scommessa. Gli ho detto che avrei sondato l’argomento con un gruppo di lettori, predicendo che l’argomento sarebbe stato di interesse. Ho scritto un post sulla pagina Facebook Un libro tira l’altro ovvero il passaparola dei lettori.

Ho vinto io. In 36 ore, 295 commenti e 86 like

 

Ai partecipanti va il mio ringraziamento, per i numerosi riscontri… ed anche naturalmente, per la ricavata soddisfazione di essere nel giusto, pensando che gli inizi sono un tema curioso per gli amanti della lettura.

La maggioranza dei lettori che si sono espressi dice che, nella scelta di un libro, le prime frasi sono cruciali, una sorta di passaporto. Queste persone rievocano le prime parole dei testi che amano. Anche se non le ricordano letteralmente. E’ come se ne richiamassero alla memoria il profumo: piacevole, inebriante, intenso, delicato. 

Molte persone hanno ricordato le prime parole con cui iniziano “I promessi sposi” di Alessandro Manzoni. Chissà la gioia dei nostri insegnanti, che dovranno ora sentirsi ripagati delle ore di lezione, lettura, compiti in classe e interrogazioni sull’argomento!

Tante, tante persone hanno citato un altro incipit:

“Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo”

E’ l’inizio di Anna Karenina di Tolstoj, libro tanto noto quanto corposo (1000 pagine buone), citato in numerosi altri libri e film. 

E’ il libro che la barista Tereza tiene sul bancone all’inizio di L’insostenibile leggerezza dell’essere di Milan Kundera, e che la legherà a quel medico, di passaggio nel bar dove lavora, che si è incuriosito alla sua lettura.

L’incipit di Anna Karenina “smaschera” Renée de L’Eleganza del riccio di Muriel Barbery, portinaia di un condominio di lusso a Parigi: l’averlo citato a memoria la rende visibile (lei che si era costruita un nascondiglio perfetto) e fonte di interesse per Kakuro Ozu, raffinato e colto giapponese, da poco trasferitosi nel condominio, e cambierà il corso della sua esistenza.

Insomma, gli inizi ci stregano, a volte. Il loro ricordo ci accompagna per molto, molto tempo, forse per sempre. Il suono di quelle parole ci rincorre in altri libri.

Come si spiega tutto ciò?

Anzitutto, pensiamo al valore della curiosità. Oltre ad un potente motivatore, la nostra curiosità ci orienta. Ci aiuta a scegliere che cosa prendere in considerazione, all’interno del bagno di informazioni in cui siamo costantemente immersi.

La nostra curiosità ci guida e ci fa prestare attenzione ad una – personale – selezione di argomenti. 

La nostra attenzione, però, è un sistema a capacità limitata. Non possiamo stare in allerta su tutto, su troppe cose contemporaneamente. E’ necessario fare delle scelte. Se un argomento smette di incuriosirci, smettiamo di prestare attenzione.

Ci orientiamo su altro, e ci risparmiamo la fatica di processare quell’informazione, che – verosimilmente – a distanza di pochi minuti non ricorderemo più. 

La nostra curiosità viene influenzata da molti fattori. Dal nostro stato d’animo, da ciò che ci ha stimolato in passato e di cui conserviamo memoria. Dal nostro livello di stanchezza. Dalla curiosità degli altri. Da come siamo fatti, dal momento in cui ci troviamo. 

Pensiamo poi alle immagini che vengono evocate dalle parole. Alcune parole, alcune frasi, alcuni modi di scrivere sono sicuramente più “potenti” di altri per evocare immagini nella nostra mente.

Alcuni incipit suscitano scenari multisensoriali, come se da subito volessero condurre il lettore nel centro di una storia immergendolo in un bagno di sensi. Prendete, ad esempio, questo.

“Era inevitabile. L’odore delle mandorle amare gli ricordava sempre il destino degli amori contrastati. Il dottor Juvenal Urbino lo sentì non appena entrato nella casa ancora in penombra, dove si era recato d’urgenza ad occuparsi di un caso che per lui aveva smesso di essere urgente già da molti anni.” (L’amore ai tempi del colera, di Gabriel Garcìa Màrquez).

Altri testi agganciano il potenziale lettore perché lo mettono subito al centro della storia, in equilibrio (o in disequilibrio?)  fra un passato ed un futuro, che devono ancora essere raccontati.

L’incipit contiene la promessa di svelare entrambi, e che la narrazione sarà interessante.

“Barrabàs arrivò in famiglia per via mare, annotò la piccola Clara con la sua delicata calligrafia. Già allora aveva l’abitudine di scrivere le cose importanti e più tardi, quando rimase muta, scriveva anche le banalità, senza sospettare che, cinquant’anni dopo, i suoi quaderni mi sarebbero serviti per riscattare la memoria del passato, e per sopravvivere al mio stesso terrore.” (La casa degli spiriti, di Isabel Allende)

 

Le prime frasi sono importanti per lo scrittore. Non solo, però, per catturare il lettore. 

Ma questa, come direbbe Carlo Lucarelli, è un’altra storia.

 

 

Ti è piaciuto l’articolo? Leggi gratis un estratto del mio libro!

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccogliere idee per iniziare a scrivere

8 consigli pratici per avviare la tua scrittura

Come nasce un personaggio letterario?

Come nasce un personaggio letterario?   Ci sono tanti modi per iniziare a scrivere. Si può iniziare come lettori: è senz’altro vero che leggendo (e, in particolare, leggendo romanzi) si allena l’immaginazione, si diventa più empatici, ci si abitua a formulare ipotesi...

Una poesia… motivazionale!

Una poesia… motivazionale! Un nuovo anno, un nuovo inizio..

La realtà è un ostacolo per l’immaginazione?

Una lettura del romanzo Lo stadio di Wimbledon di Daniele del Giudice per ricostruire un percorso di maturazione nella scrittura narrativa

Fra immagine ed immaginazione: storia di una poesia

Il rapporto fra immagine e immaginazione raccontato grazie alla storia di una poesia di Eugenio Montale nata da una fotografia. Il blocco dello scrittore e che cosa può aiutare a superarlo.

Crescere, un gioco da ragazzi

Diventare adulti in senso psicologico risolvendo il conflitto fra generazioni. Il ruolo della scuola in questo processo.

Gruppo di lettura: leggere insieme

Il leggere in gruppo come esperienza psicologica di co-costruzione di storie, personaggi, ambienti tramite la condivisione delle immagini mentali attivate dalla lettura individuale.

La narrativa psicologica come strumento di approfondimento

La lettura di un romanzo è utile per comprendere meglio una patologia? Uno psicoterapeuta può trarre vantaggio anche da una formazione narrativa?

La vita accanto: intervista all’autrice

Un incontro ravvicinato con la scrittrice Mariapia Veladiano, vincitrice del premio Calvino 2010, per capire come è nato il suo romanzo d’esordio, La vita accanto.

Lettura e prima infanzia

Il periodo della pandemia ha visto una rivoluzione dei rapporti familiari, cosa può aiutarci con i più piccoli?

La madeleine di Proust: un viaggio fra memoria e sensorialità

Ora siamo all’inizio dell’estate. La temperatura supera i trenta gradi, si sentono frinire le cicale. I vestiti aderiscono alla pelle, abbiamo bisogno di bere spesso. Ci infastidiscono i capelli sulla nuca, li raccogliamo o li accorciamo.

Perché scrivere? Per conoscere

Perchè scrivere? Per conoscere. Qualche volta, la realtà è ancora più spettacolare dei prodotti della fantasia.

Perchè leggere è appassionante

Perchè leggere è appassionante e ci può essere utile nei momenti difficili.

Fiori di quarantena: la crescita psicologica nella pandemia

I fiori erbacei non sono gli unici ad essere spuntati in quarantena: anche psicologicamente abbiamo scoperto nuove identità, ci siamo interrogati sulla nostra crescita, abbiamo ripensato al concetto di “umanità” e siamo (forse) maturati… fioriti, appunto.

Quand’è che ho cominciato a guardare il mondo da un oblò

Questa è la storia di come è nato il mio romanzo “Se guardo il mondo da un oblò”.
Tutto inizia quando ho deciso di scrivere… un saggio.

Goliarda e Modesta

“Modesta non sono io. Lei è migliore di me”

Madame Bovary? C’est moi!

I personaggi di un romanzo sono autobiografici? Uno scrittore, una scrittrice raccontano le vicende di un personaggio, ma in realtà narrano di loro stessi?

Non si può morire dentro

“ Mi dicono che quando si è rinchiusi al buio disogna dimenticare tutto, altrimenti si soffre troppo; ma io, qui, mi sono abituato a vedere il mare, la luce. Mi basta il rumore delle onde, sento tutto e vedo molto, immagino anche quello che non esiste. “

Incipit: breve elogio dell’inizio

Desideravo preparare un testo dove si parlasse dell’inizio, degli inizi, delle prime volte e di quanto tutto ciò spesso ci affascini a tal punto da catturarci, tenerci incollati ad una pagina se è un libro, al video se è un post o un articolo. 

Libri per l’isolamento

Libri per l'isolamento, tipi da quarantena.Ho letto un libro, pochi giorni prima della quarantena. Era appena uscito. E in questo periodo, ci ho pensato spesso. Il primo dei libri per l'isolamento è "Senti che vento" di Eleonora Sottili.E’ il 2000, l’anno del nuovo...

Libertà, fronte e retro

Già, libertà. Ma che cosa intendiamo per libertà? Farci gli affari nostri? Stare con gli amici più cari? Fare ciò che più ci piace? Non curarci delle regole e dei limiti sociali? Dire ciò che ci passa per la testa?