fbpx
Seleziona una pagina

 

Madame Bovary? C’est moi!

A proposito del rapporto fra lo scrittore e i suoi personaggi

 

Questa frase, attribuita a Gustave Flaubert durante il processo in cui venne incriminato per oltraggio alla morale riguardo al personaggio di Emma, ci porta al cuore della questione: i personaggi di un romanzo sono autobiografici? Uno scrittore, una scrittrice raccontano le vicende di un personaggio, ma in realtà narrano di loro stessi?

 

Il quesito è interessante, ed apre ulteriori domande.

 

Quando uno scrittore costruisce un personaggio, che rapporto mantiene con lui/lei? Ne conosce tutte le sfaccettature o le individua a poco a poco? Le vicende di un personaggio sono note allo scrittore quando inizia a scriverne?

 

Ad esempio, nella prefazione a Un cuore arido, Carlo Cassola scrive come è nato questo nuovo libro, pubblicato a poca distanza da La ragazza di Bube, che gli ha dato la notorietà.

 

“Il nuovo romanzo mi proposi di scriverlo (…) affidandomi solo all’immaginazione. Iniziandolo avevo in mente poco più della prima scena, quella della ragazza sola sulla spiaggia. Siamo in un paesino che si anima solo durante la stagione dei bagni. La stagione è finita, cosa ci fa quella ragazza sulla spiaggia? Evidentemente, è un momento meditativo. Ma che cosa pensa? Chi è? Giacché non sapevo bene come fosse, né quali vicende le sarebbero potute capitare.”

 

A quanto leggiamo l’immaginazione, una volta attivata, sembra seguire un suo autonomo percorso, ignoto allo scrittore. I personaggi, collocati in un luogo e in una situazione, paiono agire di una propria forza, utilizzare un proprio motore. Un po’ come Pinocchio con il falegname Geppetto.

 

Il personaggio di Anna (protagonista di Un cuore arido) viene immaginato sulla spiaggia di un paesino di mare a fine stagione. Inizia poi a muoversi, e Cassola non sa dove lo porterà.  Leggiamo ancora le sue parole, mentre segue Anna che sta camminando di fretta, una sera.

 

É  buio. Accade un imprevisto, un soldato la raggiunge e la ferma afferrandola per un braccio. Anna grida.

 

“Il soldato (…) non vuole far violenza ad Anna. Allora come si spiega che l’abbia seguita e fermata? Al buio, l’ha scambiata per un’altra: si affretta infatti a scusarsi. Rimessasi dallo spavento, Anna è colpita dalla stranezza dell’incidente. Anch’io mi chiesi: quel soldato, per chi può averla scambiata, se non per la sorella?

Un nuovo personaggio, per nulla previsto, faceva così il suo ingresso nel romanzo e ne determinava il seguito.”

 

Ecco che il personaggio, nel suo muoversi, ne attiva un altro, che lo scrittore non immagina dall’inizio.  Non lo ha progettato. Mario il soldato farà prendere al romanzo una direzione inaspettata, imprevista.

Qualcosa cambia nella mente dello scrittore, che – ci racconta – dopo l’apparizione di Mario procede spedito, e senza quasi accorgersene arriva in fondo al suo racconto.

 

Ho recentemente incontrato la scrittrice Mariapia Veladiano che con il suo romanzo d’esordio, La vita accanto, nel 2010, si è aggiudicata il Premio Calvino. Le ho rivolto alcune domande sulla scrittura e sul suo rapporto con i personaggi:

 

 

“I personaggi di cui racconto le vicende spesso mi accompagnano nella quotidianità. Mi spiego: quando immagino un personaggio, e ne scrivo la storia, è come se me lo sentissi sempre vicino, appoggiato ad una delle mie spalle.

 

É una sensazione che non avverto subito, quando inizio a scrivere, ma successivamente, quando entro nel vivo della narrazione. In quella fase, spesso nella vita quotidiana mi vengono in mente parole che un dato personaggio potrebbe pronunciare, pensieri che potrebbe avere; se non ho la possibilità di registrare subito, non ricordo poi queste intuizioni.

 

Alle volte, un personaggio si modifica nel corso della stesura del romanzo. Un po’ come se avesse, una volta inventato, una vita propria.

 

Ad esempio, ne La vita accanto, il personaggio della zia Erminiain corso d’opera, è diventata una figura più ambigua, più manipolatrice. I miei pensieri iniziali riguardo alla sua figura non erano così cattivi… è come se il personaggio avesse “fatto da sé”, se avesse preso una strada autonoma rispetto alla mia idea”

 

Da questi esempi, ricaviamo una riflessione. Sembra che il controllo dello scrittore sul prodotto della propria immaginazione sia limitato: il pensiero razionale e consapevole costruisce l’inizio: un personaggio, un luogo.

 

Poi, l’immaginazione fa il resto, in modo non prevedibile, a volte anche in conflitto con il desiderio consapevole dello scrittore.

 

Lo scrittore, quindi, parla di sé? Anche quando non vuole farlo? Il mistero si infittisce.

 

 

Ti è piaciuto l’articolo? Leggi gratis un estratto del mio libro!

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come nasce un personaggio letterario?

Come nasce un personaggio letterario?   Ci sono tanti modi per iniziare a scrivere. Si può iniziare come lettori: è senz’altro vero che leggendo (e, in particolare, leggendo romanzi) si allena l’immaginazione, si diventa più empatici, ci si abitua a formulare ipotesi...

Una poesia… motivazionale!

Una poesia… motivazionale! Un nuovo anno, un nuovo inizio..

La realtà è un ostacolo per l’immaginazione?

Una lettura del romanzo Lo stadio di Wimbledon di Daniele del Giudice per ricostruire un percorso di maturazione nella scrittura narrativa

Fra immagine ed immaginazione: storia di una poesia

Il rapporto fra immagine e immaginazione raccontato grazie alla storia di una poesia di Eugenio Montale nata da una fotografia. Il blocco dello scrittore e che cosa può aiutare a superarlo.

Crescere, un gioco da ragazzi

Diventare adulti in senso psicologico risolvendo il conflitto fra generazioni. Il ruolo della scuola in questo processo.

Gruppo di lettura: leggere insieme

Il leggere in gruppo come esperienza psicologica di co-costruzione di storie, personaggi, ambienti tramite la condivisione delle immagini mentali attivate dalla lettura individuale.

La narrativa psicologica come strumento di approfondimento

La lettura di un romanzo è utile per comprendere meglio una patologia? Uno psicoterapeuta può trarre vantaggio anche da una formazione narrativa?

La vita accanto: intervista all’autrice

Un incontro ravvicinato con la scrittrice Mariapia Veladiano, vincitrice del premio Calvino 2010, per capire come è nato il suo romanzo d’esordio, La vita accanto.

Lettura e prima infanzia

Il periodo della pandemia ha visto una rivoluzione dei rapporti familiari, cosa può aiutarci con i più piccoli?

La madeleine di Proust: un viaggio fra memoria e sensorialità

Ora siamo all’inizio dell’estate. La temperatura supera i trenta gradi, si sentono frinire le cicale. I vestiti aderiscono alla pelle, abbiamo bisogno di bere spesso. Ci infastidiscono i capelli sulla nuca, li raccogliamo o li accorciamo.

Perché scrivere? Per conoscere

Perchè scrivere? Per conoscere. Qualche volta, la realtà è ancora più spettacolare dei prodotti della fantasia.

Perchè leggere è appassionante

Perchè leggere è appassionante e ci può essere utile nei momenti difficili.

Fiori di quarantena: la crescita psicologica nella pandemia

I fiori erbacei non sono gli unici ad essere spuntati in quarantena: anche psicologicamente abbiamo scoperto nuove identità, ci siamo interrogati sulla nostra crescita, abbiamo ripensato al concetto di “umanità” e siamo (forse) maturati… fioriti, appunto.

Quand’è che ho cominciato a guardare il mondo da un oblò

Questa è la storia di come è nato il mio romanzo “Se guardo il mondo da un oblò”.
Tutto inizia quando ho deciso di scrivere… un saggio.

Goliarda e Modesta

“Modesta non sono io. Lei è migliore di me”

Madame Bovary? C’est moi!

I personaggi di un romanzo sono autobiografici? Uno scrittore, una scrittrice raccontano le vicende di un personaggio, ma in realtà narrano di loro stessi?

Non si può morire dentro

“ Mi dicono che quando si è rinchiusi al buio disogna dimenticare tutto, altrimenti si soffre troppo; ma io, qui, mi sono abituato a vedere il mare, la luce. Mi basta il rumore delle onde, sento tutto e vedo molto, immagino anche quello che non esiste. “

Incipit: breve elogio dell’inizio

Desideravo preparare un testo dove si parlasse dell’inizio, degli inizi, delle prime volte e di quanto tutto ciò spesso ci affascini a tal punto da catturarci, tenerci incollati ad una pagina se è un libro, al video se è un post o un articolo. 

Libri per l’isolamento

Libri per l'isolamento, tipi da quarantena.Ho letto un libro, pochi giorni prima della quarantena. Era appena uscito. E in questo periodo, ci ho pensato spesso. Il primo dei libri per l'isolamento è "Senti che vento" di Eleonora Sottili.E’ il 2000, l’anno del nuovo...

Libertà, fronte e retro

Già, libertà. Ma che cosa intendiamo per libertà? Farci gli affari nostri? Stare con gli amici più cari? Fare ciò che più ci piace? Non curarci delle regole e dei limiti sociali? Dire ciò che ci passa per la testa?