fbpx
Seleziona una pagina

Perché leggere è appassionante

 

E ci può essere utile nei momenti difficili 

 

 Tempo fa mi occupavo, professionalmente, di persone anziane. 

 

Nella terza età, le manifestazioni cliniche legate alla depressione – nelle sue varie forme, dai disturbi affettivi ad una vera e propria patologia –  sono molto frequenti.  I familiari chiedono l’intervento dello psicologo perché gli anziani si isolano, sono sempre tristi, non vogliono uscire di casa.

 

Ho incontrato, in quegli anni, molte persone per valutazioni e consulenze psicologiche. In alcuni casi ho avviato delle psicoterapie. Con molte difficoltà e, ogni tanto, qualche successo.

 

Gli anziani che incontravo, molto spesso, assumevano una terapia farmacologica, ansiolitica o antidepressiva, in alcuni casi anche da molti anni. Era difficile “ingaggiare”, entrare in relazione terapeutica con soggetti di questo tipo. Inoltre, mi sentivo in contatto empatico con i familiari che spesso soffrivano molto per i comportamenti dei loro cari. 

 

Lettura e scrittura: il conforto della carta

 

Come spesso mi è accaduto nella vita professionale, ho cercato aiuto e conforto nella carta.

 Ho cercato libri e articoli scientifici che parlassero dell’argomento. Vi parlerò oggi, in particolare, di uno scritto dello psichiatra Paolo Migone, letto in quel periodo e risultato non solo confortante, ma anche illuminante, in particolare per un aspetto.

 Nell’articolo, Paolo Migone commenta e riflette su uno studio effettuato negli U.S.A. da I. Kirsch e dai suoi collaboratori (con modalità coraggiosamente molto diverse rispetto a tutti gli studi allora disponibili) riguardo all’efficacia dei farmaci antidepressivi. È molto interessante. Se è stato proposto a voi o ai vostri familiari di assumere farmaci antidepressivi o ansiolitici, ve ne consiglio una lettura attenta.

 

Professionalmente, la lettura di quell’articolo ha rinnovato la mia fiducia nel valore e nelle potenzialità degli strumenti non farmacologici nei disturbi affettivi, nelle depressioni, nelle demenze. Da allora in poi, ho approfondito, studiato ed applicato varie tecniche che si sono rivelate molto spesso efficaci, anche in patologie così gravi.

 Nell’articolo si dice un’altra cosa molto interessante:

 “Kirsch suggerisce un’altra possibilità, quella di usare interventi molto meno costosi, come la ginnastica o la ‘biblioterapia’, che hanno un effetto terapeutico dimostrato (…)”.

Biblioterapia e uso professionale della lettura

Nel leggere “biblioterapia”, la sensazione è stata simile a quella dell’accendersi di una lampadina in una stanza buia: amavo i libri e la lettura da sempre, ed ora scoprivo che avrei potuto utilizzare questa passione anche professionalmente! Già conoscevo, invece, il valore della attività fisica come stabilizzatore dell’umore.

Sono molto grata a Marco della Valle per il suo corso on line di biblioterapia, che ho frequentato in quel periodo, in cui ho appreso che c’è una differenza fra la biblioterapia clinica (praticata all’interno di un percorso di psicoterapia, e quindi nell’alleanza di lavoro con il paziente ed in un clima di fiducia) e la biblioterapia di sviluppo, quella che ha per obiettivo l’accrescimento ed il benessere e che può essere svolta da bibliotecari, insegnanti o da altri operatori formati per farlo.

Negli ultimi anni, ho iniziato a  utilizzare la biblioterapia clinica nei percorsi di psicoterapia individuale. Sono contenta di poter fare un uso professionale della passione per la letteratura.

Leggere è terapeutico

Leggere è un’attività che consente di de-centrarsi rispetto alle proprie difficoltà psicologiche. Quando il clima terapeutico lo permette e si trova il libro giusto per quel paziente, ne suggerisco la lettura. Se il percorso funziona, trovo nel testo scritto (un romanzo, un saggio, una biografia…) un valido alleato.

Per carattere, sono portata a non “tenere solo per me” quello che scopro utile e interessante. Quindi, ho iniziato a praticare anche la biblioterapia di sviluppo. Sono felice quando un’amica, una conoscente o una collega mi chiedono di consigliare loro un libro da leggere, o che possono regalare. 

A partire da ottobre 2019, ho avviato un gruppo di lettura. Leggere e discutere di libri insieme ad altri appassionati di letteratura  è per me un’esperienza preziosa, per la quale sono profondamente grata a tutti i partecipanti. La pandemia non ci ha fermato, ci siamo regolarmente incontrati tutti i mesi su una piattaforma telematica. Non eravamo abituati a farlo, ma ci siamo riusciti!

Leggere, ne sono convinta, trova il suo valore non solo nell’ampliamento delle conoscenze possibili e nella moltiplicazione dei punti di vista su un problema. Mentre seguiamo le vicende di un protagonista e dei personaggi in un romanzo (e con loro ci identifichiamo, se il testo è ben scritto) ci immedesimiamo nella vicenda raccontata.

I libri giusti per nutrire la mente

Certo, non è facile trovare i libri giusti, quelli che fanno per noi, fra tutti i testi in catalogo e in uscita. Alle volte, vi può capitare di incappare in libri decisamente brutti, mal scritti. Oppure con cui non vi sentite in sintonia in quel periodo. Non fermatevi, però, a queste difficoltà. Così come, se informati, possiamo scegliere quali cibi introdurre nella nostra bocca per una buona alimentazione, così è realizzabile (anche facendoci aiutare, naturalmente!) avvicinare un buon testo per nutrire la nostra mente.

Molte sono le parti di noi e della nostra personalità. Alcune sono ancora inesplorate, anche se ormai siamo adulti e abbiamo molta esperienza di vita e di relazioni con altri. 

L’identificazione con i personaggi di un testo ci può consentire di avere accesso ai lati di noi che ancora non conosciamo, e di vederli evolvere, crescere, maturare. E prendere il volo.

 

 La foto anche questa volta è di Paolo Mazzo, e la fotografia ritrae la casa “M’ama non m’ama” dell’architetto Diego Peruzzo.

 

 Ti è piaciuto l’articolo? Leggi gratis un estratto del mio libro!

 

 

 

 

 

 

 

 

3 Commenti

  1. Paola Pezzera

    Grazie molte Roberta per questi articoli che trovo sempre molto interessanti e piacevoli.

    Ci sono molti libri in commercio esposti sugli scaffali delle librerie, hanno copertine con immagini accattivanti, titoli curiosi, a volte mi sembra di essere in una pasticceria, quante torte colorate, invitanti, ma quale scegliere? “ma sarà così buona quarto bella?”
    A volte penso che siano troppi, certe volte mi sento disorientata. In queste situazioni vado alla ricerca dell’autore che magari ho letto recentemente e mi è piaciuto, oppure chiedo un consiglio al commesso.
    “Mi sa consigliare un libro, che sia appassionante, che racconti una bella storia?”
    A volte il libro che acquisto mi piace altre volte no.
    Non è certo la prima volta che interrompo la lettura di un libro perché non riesco ad entrarci dentro, oppure perché proprio non riesco a farmelo piacere.
    Non sono una di quelle lettrici che resistono fino alla fine, l’ho fatto molto raramente, quando diventava più una fatica che un piacere allora interrompo la lettura.

    In questi anni ho ascoltato gli audiolibri e devo dire che per un po’ ne sono stata catturata.
    Mi ricordano i romanzi letti a puntate alla radio, e mi piace molto l’interpretazione data dall’attore, da certi attori, non da tutti. Qualcuno potrebbe avere da ridire proprio sulla interpretazione data, che non lascia spazio all’immaginazione di chi legge, ma a me piace sentire la voce che racconta, al contrario mi lascia immaginare con libertà i personaggi e le ambientazioni.

    In questo blog forse non dovrei scrivere ciò che sto per scrivere, ma non posso farne a meno.
    Mi piace il cinema, mi piace davvero tanto, ebbene sì lo ammetto, anche se ho un po’ timore a dirlo qui, certe volte mi piace anche più della lettura.
    Dipende dai momenti, ovviamente dalla stanchezza, dall’orario, dal fatto se sono in vacanza oppure no, dipende dal libro che sto leggendo, dipende anche dal film che sto guardando.
    Ma chi può stabilire cosa sia meglio tra un buon libro e un buon film?

    Curioso che tutto questo scrivere a ruota libera, avvenga propio dopo che ho terminato di leggere un libro. Un libro che mi è piaciuto e che mi sento di consigliare, ma mi raccomando se dopo avere letto le prime 20 pagine sentite che non vi va più, non preoccupatevi io non mi offendo, siete liberi di interromperlo in ogni momento, ma, c’è sempre un ma….temo vi perdereste uno splendido romanzo

    Scusate se questo scritto non è ben scritto. Scrivere “non è arte mia”

    Rispondi
  2. paola pezzera

    Ops ho dimenticato di scrivere il titolo del romanzo
    “Il treno dei bambini” di Viola Nardone ed.Einaudi

    Rispondi
    • Roberta Portelli

      Cara Paola “Il treno dei bambini” è un libro meraviglioso, grazie per averlo suggerito! Una pagina di storia vista con gli occhi di un bambino. Bello anche per il linguaggio che cambia mentre Amerigo cresce ed affronta le sue esperienze umane, così come cambiano le scarpe (la sua passione) che indosserà.
      Grazie anche per aver raccontato della tua passione per il cinema, un’altra esperienza umana in cui, come la lettura, si può viaggiare stando fermi e sognare ad occhi aperti

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come nasce un personaggio letterario?

Come nasce un personaggio letterario?   Ci sono tanti modi per iniziare a scrivere. Si può iniziare come lettori: è senz’altro vero che leggendo (e, in particolare, leggendo romanzi) si allena l’immaginazione, si diventa più empatici, ci si abitua a formulare ipotesi...

Una poesia… motivazionale!

Una poesia… motivazionale! Un nuovo anno, un nuovo inizio..

La realtà è un ostacolo per l’immaginazione?

Una lettura del romanzo Lo stadio di Wimbledon di Daniele del Giudice per ricostruire un percorso di maturazione nella scrittura narrativa

Fra immagine ed immaginazione: storia di una poesia

Il rapporto fra immagine e immaginazione raccontato grazie alla storia di una poesia di Eugenio Montale nata da una fotografia. Il blocco dello scrittore e che cosa può aiutare a superarlo.

Crescere, un gioco da ragazzi

Diventare adulti in senso psicologico risolvendo il conflitto fra generazioni. Il ruolo della scuola in questo processo.

Gruppo di lettura: leggere insieme

Il leggere in gruppo come esperienza psicologica di co-costruzione di storie, personaggi, ambienti tramite la condivisione delle immagini mentali attivate dalla lettura individuale.

La narrativa psicologica come strumento di approfondimento

La lettura di un romanzo è utile per comprendere meglio una patologia? Uno psicoterapeuta può trarre vantaggio anche da una formazione narrativa?

La vita accanto: intervista all’autrice

Un incontro ravvicinato con la scrittrice Mariapia Veladiano, vincitrice del premio Calvino 2010, per capire come è nato il suo romanzo d’esordio, La vita accanto.

Lettura e prima infanzia

Il periodo della pandemia ha visto una rivoluzione dei rapporti familiari, cosa può aiutarci con i più piccoli?

La madeleine di Proust: un viaggio fra memoria e sensorialità

Ora siamo all’inizio dell’estate. La temperatura supera i trenta gradi, si sentono frinire le cicale. I vestiti aderiscono alla pelle, abbiamo bisogno di bere spesso. Ci infastidiscono i capelli sulla nuca, li raccogliamo o li accorciamo.

Perché scrivere? Per conoscere

Perchè scrivere? Per conoscere. Qualche volta, la realtà è ancora più spettacolare dei prodotti della fantasia.

Perchè leggere è appassionante

Perchè leggere è appassionante e ci può essere utile nei momenti difficili.

Fiori di quarantena: la crescita psicologica nella pandemia

I fiori erbacei non sono gli unici ad essere spuntati in quarantena: anche psicologicamente abbiamo scoperto nuove identità, ci siamo interrogati sulla nostra crescita, abbiamo ripensato al concetto di “umanità” e siamo (forse) maturati… fioriti, appunto.

Quand’è che ho cominciato a guardare il mondo da un oblò

Questa è la storia di come è nato il mio romanzo “Se guardo il mondo da un oblò”.
Tutto inizia quando ho deciso di scrivere… un saggio.

Goliarda e Modesta

“Modesta non sono io. Lei è migliore di me”

Madame Bovary? C’est moi!

I personaggi di un romanzo sono autobiografici? Uno scrittore, una scrittrice raccontano le vicende di un personaggio, ma in realtà narrano di loro stessi?

Non si può morire dentro

“ Mi dicono che quando si è rinchiusi al buio disogna dimenticare tutto, altrimenti si soffre troppo; ma io, qui, mi sono abituato a vedere il mare, la luce. Mi basta il rumore delle onde, sento tutto e vedo molto, immagino anche quello che non esiste. “

Incipit: breve elogio dell’inizio

Desideravo preparare un testo dove si parlasse dell’inizio, degli inizi, delle prime volte e di quanto tutto ciò spesso ci affascini a tal punto da catturarci, tenerci incollati ad una pagina se è un libro, al video se è un post o un articolo. 

Libri per l’isolamento

Libri per l'isolamento, tipi da quarantena.Ho letto un libro, pochi giorni prima della quarantena. Era appena uscito. E in questo periodo, ci ho pensato spesso. Il primo dei libri per l'isolamento è "Senti che vento" di Eleonora Sottili.E’ il 2000, l’anno del nuovo...

Libertà, fronte e retro

Già, libertà. Ma che cosa intendiamo per libertà? Farci gli affari nostri? Stare con gli amici più cari? Fare ciò che più ci piace? Non curarci delle regole e dei limiti sociali? Dire ciò che ci passa per la testa?