fbpx
Seleziona una pagina

Gruppo di lettura: leggere insieme

 

Avete mai provato l’esperienza di un gruppo di lettura? È un viaggio insieme che trasforma l’arte del leggere e insieme si co-costruiscono storie, trame e personaggi.

 

In questi giorni, sto leggendo uno strano libro. Non è un romanzo. Non è un saggio. Contiene molte immagini, ma non è un libro fotografico o un libro d’arte.

 

Lo definirei un testo esperienziale.

 

Dalla conversazione per immagini al gruppo di lettura

 

Pensando al volume che sto leggendo – Che cosa vediamo quando leggiamo di Peter Mendelsund – rifletto sull’esperienza del gruppo di lettura

 

L’autore è un designer newyorkese, direttore creativo, autore di centinaia di copertine di libri. Una figura quasi leggendaria nel mondo dell’editoria. Ha scritto (disegnato?) questo libro nel 2014, che solo ultimamente è stato tradotto in italiano e pubblicato dall’Editore Corraini.

 

Se seguiamo la sua “conversazione per immagini” ci addentriamo nell’esperienza della lettura, sperimentiamo (e riflettiamo) ciò che accade nella nostra psiche quando prendiamo in mano un libro: una narrazione di personaggi, luoghi, avvenimenti, situazioni.

 

Questo è un testo in cui non si legge “fra le righe”, ma si legge “fra le figure”. Facendone scorrere le pagine, si viene sollecitati a pensare al tema. 

 

Mendelsund racconta (ci fa vedere?) che le descrizioni dei personaggi sono molto spesso imprecise e imperfette, ambigue.

 

“Consapevolmente o meno, la maggior parte degli autori descrive i propri personaggi più dal punto di vista comportamentale che da quello fisico. Anche nel caso in cui un autore sia particolarmente bravo nelle descrizioni fisiche, a noi non resta che un insieme confuso di singole parti del corpo e dettagli casuali.”

 

Mendelsund si concentra sul noto personaggio di Anna Karenina di Tolstoj, cerca la descrizione dell’autore.

 

“Nel caso di Anna, i suoi capelli e il suo peso sono solo sfaccettature, che non compongono l’immagine reale della persona. Rendono una corporatura, un colore di capelli… Che aspetto ha Anna Karenina? Non lo sappiamo: le immagini dei personaggi che abbozziamo mentalmente sono peggio degli identikit della polizia.”

 

Un nuovo gruppo di lettura on line

 

Riflettendo su questi argomenti, ho ripensato all’esperienza del gruppo di lettura, che ho avviato ad ottobre 2019 e che è proseguito, a cadenza mensile, fino ad ora. 

 

Credo che molti di voi ne conoscano lo schema: un gruppo di persone, appassionate alla lettura, si accordano per leggere in contemporanea uno o più libri in un tempo definito. Nell’incontro successivo, ci si confronta sulle proprie letture, e si concordano quelle successive.

 

Nel nostro caso, il gruppo è nato presso una libreria. Fino a febbraio 2020 ci si è riuniti in presenza, poi tutto si è trasferito online. Ad ogni incontro, sono stati proposti tre libri (due testi di catalogo, uno uscito recentemente), lasciando a ciascuno la possibilità di scelta sul libro (o sui libri) da leggere nel mese.

 

Cosa ho imparato dal gruppo di lettura

 

Leggendo (e sfogliando) Mendelsund, ho ripensato al fatto che ciascuno di noi, leggendo, partecipa all’edificazione delle immagini dei personaggi, dei luoghi e delle situazioni. L’autore le abbozza, le tratteggia, a volte ne disegna i perimetri. Il lettore co-costruisce, mettendoci del suo. Nascono così nella psiche di ciascuno immagini nuove, frutto della sollecitazione della lettura e della partecipazione attiva di chi legge. 

Mettere a confronto le letture significa questo: condividere le immagini psichiche nate per ciascuno dalla propria esperienza individuale nella lettura. Lettori diversi di uno stesso libro ne hanno ricavato immagini diverse.

 

In alcuni dei nostri incontri di gruppo, è stato curioso notare non solo quanto i pareri su un libro potessero essere divergenti o quanto un modo di scrivere fosse più o meno gradito, ma anche come differissero le immagini dei luoghi e dei personaggi dei testi. Perché ciascuno di noi – individualmente – se ne era costruito delle proprie.

 

Se c’è fiducia, rispetto e tolleranza, il gruppo di lettura è un’esperienza preziosa, che può arricchire molto i partecipanti. Io sono molto grata a tutti per l’esperienza.

 

Ora il gruppo di lettura si prende una pausa, così come farò io con gli articoli del blog.

 

Un regalo per voi 

 

Prima di salutarvi e di darvi appuntamento all’autunno, però, ho in serbo per voi una piccola sorpresa. 

 

Per tutti gli iscritti al blog, sarà disponibile un pdf che potrete scaricare gratuitamente.

 

Si tratta di una guida alla costruzione di un personaggio. Se ne avrete voglia, in questo periodo estivo, potrete seguirla per provare a “generare” una figura immaginaria, creata da voi, che vi accompagnerà nelle vostre giornate. E poi da lì, magari, vi verrà voglia di raccontarne la storia nel nostro prossimo incontro del gruppo di lettura.

 

Che cosa nascerà? Sono molto curiosa!!

 

Buona estate a tutti. Quest’anno ce la siamo proprio meritata.

Roberta

 

 

 

Ti è piaciuto l’articolo? Leggi gratis un estratto del mio libro!

 

 

 

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccogliere idee per iniziare a scrivere

8 consigli pratici per avviare la tua scrittura

Come nasce un personaggio letterario?

Come nasce un personaggio letterario?   Ci sono tanti modi per iniziare a scrivere. Si può iniziare come lettori: è senz’altro vero che leggendo (e, in particolare, leggendo romanzi) si allena l’immaginazione, si diventa più empatici, ci si abitua a formulare ipotesi...

Una poesia… motivazionale!

Una poesia… motivazionale! Un nuovo anno, un nuovo inizio..

La realtà è un ostacolo per l’immaginazione?

Una lettura del romanzo Lo stadio di Wimbledon di Daniele del Giudice per ricostruire un percorso di maturazione nella scrittura narrativa

Fra immagine ed immaginazione: storia di una poesia

Il rapporto fra immagine e immaginazione raccontato grazie alla storia di una poesia di Eugenio Montale nata da una fotografia. Il blocco dello scrittore e che cosa può aiutare a superarlo.

Crescere, un gioco da ragazzi

Diventare adulti in senso psicologico risolvendo il conflitto fra generazioni. Il ruolo della scuola in questo processo.

Gruppo di lettura: leggere insieme

Il leggere in gruppo come esperienza psicologica di co-costruzione di storie, personaggi, ambienti tramite la condivisione delle immagini mentali attivate dalla lettura individuale.

La narrativa psicologica come strumento di approfondimento

La lettura di un romanzo è utile per comprendere meglio una patologia? Uno psicoterapeuta può trarre vantaggio anche da una formazione narrativa?

La vita accanto: intervista all’autrice

Un incontro ravvicinato con la scrittrice Mariapia Veladiano, vincitrice del premio Calvino 2010, per capire come è nato il suo romanzo d’esordio, La vita accanto.

Lettura e prima infanzia

Il periodo della pandemia ha visto una rivoluzione dei rapporti familiari, cosa può aiutarci con i più piccoli?

La madeleine di Proust: un viaggio fra memoria e sensorialità

Ora siamo all’inizio dell’estate. La temperatura supera i trenta gradi, si sentono frinire le cicale. I vestiti aderiscono alla pelle, abbiamo bisogno di bere spesso. Ci infastidiscono i capelli sulla nuca, li raccogliamo o li accorciamo.

Perché scrivere? Per conoscere

Perchè scrivere? Per conoscere. Qualche volta, la realtà è ancora più spettacolare dei prodotti della fantasia.

Perchè leggere è appassionante

Perchè leggere è appassionante e ci può essere utile nei momenti difficili.

Fiori di quarantena: la crescita psicologica nella pandemia

I fiori erbacei non sono gli unici ad essere spuntati in quarantena: anche psicologicamente abbiamo scoperto nuove identità, ci siamo interrogati sulla nostra crescita, abbiamo ripensato al concetto di “umanità” e siamo (forse) maturati… fioriti, appunto.

Quand’è che ho cominciato a guardare il mondo da un oblò

Questa è la storia di come è nato il mio romanzo “Se guardo il mondo da un oblò”.
Tutto inizia quando ho deciso di scrivere… un saggio.

Goliarda e Modesta

“Modesta non sono io. Lei è migliore di me”

Madame Bovary? C’est moi!

I personaggi di un romanzo sono autobiografici? Uno scrittore, una scrittrice raccontano le vicende di un personaggio, ma in realtà narrano di loro stessi?

Non si può morire dentro

“ Mi dicono che quando si è rinchiusi al buio disogna dimenticare tutto, altrimenti si soffre troppo; ma io, qui, mi sono abituato a vedere il mare, la luce. Mi basta il rumore delle onde, sento tutto e vedo molto, immagino anche quello che non esiste. “

Incipit: breve elogio dell’inizio

Desideravo preparare un testo dove si parlasse dell’inizio, degli inizi, delle prime volte e di quanto tutto ciò spesso ci affascini a tal punto da catturarci, tenerci incollati ad una pagina se è un libro, al video se è un post o un articolo. 

Libri per l’isolamento

Libri per l'isolamento, tipi da quarantena.Ho letto un libro, pochi giorni prima della quarantena. Era appena uscito. E in questo periodo, ci ho pensato spesso. Il primo dei libri per l'isolamento è "Senti che vento" di Eleonora Sottili.E’ il 2000, l’anno del nuovo...

Libertà, fronte e retro

Già, libertà. Ma che cosa intendiamo per libertà? Farci gli affari nostri? Stare con gli amici più cari? Fare ciò che più ci piace? Non curarci delle regole e dei limiti sociali? Dire ciò che ci passa per la testa?