fbpx
Seleziona una pagina

 

Il Torneo Letterario “Io scrittore”: riflessioni per l’uso

 

 

 Partecipare a concorsi è un modo utile per cercare una via per la pubblicazione? Sono molti i concorsi letterari in Italia e orientarsi, per un aspirante scrittore, non è facile. 

 

Sono aperte le iscrizioni per il Torneo Letterario “IO SCRITTORE” 2022

Prendiamo oggi in esame il Torneo Io Scrittore, a cui ci si può iscrivere entro il 7 aprile 2022, il cui regolamento è consultabile qui: https://bit.ly/36wJofr.

Il Torneo è organizzato dal Gruppo Editoriale Gems (che riunisce una quindicina di Case Editrici). La partecipazione è gratuita, si partecipa (coperti da anonimato) con un’opera narrativa inedita, e vi si prende parte sia come scrittori che come lettori. Tutte le persone iscritte accedono alla prima fase (fase degli “incipit”), alla seconda fase partecipano 400 opere selezionate. Non si vincono premi in denaro, ma una pubblicazione in e-book (per 10 partecipanti) o in cartaceo in una delle Case Editrici del gruppo Gems (per il vincitore del Torneo). E’ previsto un premio (non monetario) anche per i migliori lettori. Il Torneo si conclude entro il 31 dicembre 2022.

 

Come funziona, concretamente, il Torneo?

Che cosa significa, concretamente, prendere parte al Torneo Io scrittore? Dopo aver letto con attenzione il regolamento ed avere raccolto i pareri di alcuni dei partecipanti alle passate edizioni, ho raccolto queste riflessioni, che spero possano essere utili a chi sta pensando di partecipare, e ha tempo fino al 7 aprile per decidere se inscriversi (e caricare il proprio incipit).

Il primo aspetto da tenere presente è che si deve avere a disposizione un testo non vincolato da contratti editoriali, che non può essere stato auto-pubblicato o collocato su piattaforme, pena l’esclusione dal Torneo.

 

Inoltre, si deve essere disposti a leggere e valutare gli scritti di una decina di altri concorrenti, per i quali bisogna formulare un giudizio dettagliato in tempi brevi, e tutto ciò – naturalmente – richiede del tempo e una buona dose di pazienza.

 

Chi legge e valuta i testi è a sua volta un concorrente: ciò significa che non sempre esprime un giudizio oggettivo e ponderato. E’ vero che chi scrive solitamente ama leggere, ma non è detto che chi scrive sappia valutare i testi di altre persone. Inoltre, il lettore potrebbe essere disonesto, e valutare negativamente proprio i testi più interessanti, quelli che hanno maggiori possibilità di essere valutati meglio del proprio.

 

Al Torneo si partecipa e si giudica in anonimato, utilizzando uno pseudonimo: ciò può garantire libertà espressiva a chi scrive, e libertà di giudizio per chi valuta. Naturalmente, come sempre, la libertà è una gran bella cosa, ma dipendente da chi ne fa uso.

 

Se il proprio obiettivo è la pubblicazione, partecipare al Torneo non garantisce il risultato e richiede lunghi tempi di attesa per una “risposta” (i giudizi degli altri partecipanti).  L’organizzazione del Torneo non fornisce alcun giudizio sull’opera o sul fatto che la reputi interessante, gli unici “giudizi” che vengono forniti sono quelli degli altri concorrenti.

 

Perché partecipare?

Il Torneo Io Scrittore è una buona possibilità per chi dispone di un testo non ancora pubblicato, verso il quale si senta emotivamente poco coinvolto. Potrebbe essere un manoscritto che per qualche aspetto non convince ancora il suo autore, per il quale un punto di vista diverso dal proprio è interessante. In quel caso, stroncature e giudizi poco valorizzanti non sono dannosi per la scrittura.

 

Viceversa, se siete all’inizio dell’avventura dello scrivere e volete che qualcuno legga il vostro testo e vi dia dei suggerimenti su come migliorarlo in vista della possibilità di pubblicarlo, forse è meglio considerare qualche strada alternativa.

 

La scrittura è, infatti, una attività creativa che – nelle sue implicazioni – è necessario proteggere. Scrivere un testo immaginario mette a contatto con parti di sé spesso ancora non esplorate: bisognerebbe essere sempre molto cauti in questo senso, e affidare la lettura a persone di fiducia, competenti e in grado di dare suggerimenti senza mortificare, di giudicare valorizzando gli aspetti più riusciti del testo.

 

 

 

Ti è piaciuto l’articolo? Leggi gratis un estratto del mio libro!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La storia di una collana nella storia dell’editoria

Se interrogate le vostre biblioteche, ne troverete almeno uno, di quei libri tascabili con la costa gialla. Sono gli Einaudi Stile Libero, e raccontare la storia della collana significa entrare nella narrazione della storia dell’editoria italiana contemporanea.

Il Torneo Letterario “Io scrittore”: riflessioni per l’uso

  Il Torneo Letterario “Io scrittore”: riflessioni per l’uso      Partecipare a concorsi è un modo utile per cercare una via per la pubblicazione? Sono molti i concorsi letterari in Italia e orientarsi, per un aspirante scrittore, non è facile.    Sono...

Raccogliere idee per iniziare a scrivere

8 consigli pratici per avviare la tua scrittura

Come nasce un personaggio letterario?

Come nasce un personaggio letterario?   Ci sono tanti modi per iniziare a scrivere. Si può iniziare come lettori: è senz’altro vero che leggendo (e, in particolare, leggendo romanzi) si allena l’immaginazione, si diventa più empatici, ci si abitua a formulare ipotesi...

Una poesia… motivazionale!

Una poesia… motivazionale! Un nuovo anno, un nuovo inizio..

La realtà è un ostacolo per l’immaginazione?

Una lettura del romanzo Lo stadio di Wimbledon di Daniele del Giudice per ricostruire un percorso di maturazione nella scrittura narrativa

Fra immagine ed immaginazione: storia di una poesia

Il rapporto fra immagine e immaginazione raccontato grazie alla storia di una poesia di Eugenio Montale nata da una fotografia. Il blocco dello scrittore e che cosa può aiutare a superarlo.

Crescere, un gioco da ragazzi

Diventare adulti in senso psicologico risolvendo il conflitto fra generazioni. Il ruolo della scuola in questo processo.

Gruppo di lettura: leggere insieme

Il leggere in gruppo come esperienza psicologica di co-costruzione di storie, personaggi, ambienti tramite la condivisione delle immagini mentali attivate dalla lettura individuale.

La narrativa psicologica come strumento di approfondimento

La lettura di un romanzo è utile per comprendere meglio una patologia? Uno psicoterapeuta può trarre vantaggio anche da una formazione narrativa?

La vita accanto: intervista all’autrice

Un incontro ravvicinato con la scrittrice Mariapia Veladiano, vincitrice del premio Calvino 2010, per capire come è nato il suo romanzo d’esordio, La vita accanto.

Lettura e prima infanzia

Il periodo della pandemia ha visto una rivoluzione dei rapporti familiari, cosa può aiutarci con i più piccoli?

La madeleine di Proust: un viaggio fra memoria e sensorialità

Ora siamo all’inizio dell’estate. La temperatura supera i trenta gradi, si sentono frinire le cicale. I vestiti aderiscono alla pelle, abbiamo bisogno di bere spesso. Ci infastidiscono i capelli sulla nuca, li raccogliamo o li accorciamo.

Perché scrivere? Per conoscere

Perchè scrivere? Per conoscere. Qualche volta, la realtà è ancora più spettacolare dei prodotti della fantasia.

Perchè leggere è appassionante

Perchè leggere è appassionante e ci può essere utile nei momenti difficili.

Fiori di quarantena: la crescita psicologica nella pandemia

I fiori erbacei non sono gli unici ad essere spuntati in quarantena: anche psicologicamente abbiamo scoperto nuove identità, ci siamo interrogati sulla nostra crescita, abbiamo ripensato al concetto di “umanità” e siamo (forse) maturati… fioriti, appunto.

Quand’è che ho cominciato a guardare il mondo da un oblò

Questa è la storia di come è nato il mio romanzo “Se guardo il mondo da un oblò”.
Tutto inizia quando ho deciso di scrivere… un saggio.

Goliarda e Modesta

“Modesta non sono io. Lei è migliore di me”

Madame Bovary? C’est moi!

I personaggi di un romanzo sono autobiografici? Uno scrittore, una scrittrice raccontano le vicende di un personaggio, ma in realtà narrano di loro stessi?

Non si può morire dentro

“ Mi dicono che quando si è rinchiusi al buio disogna dimenticare tutto, altrimenti si soffre troppo; ma io, qui, mi sono abituato a vedere il mare, la luce. Mi basta il rumore delle onde, sento tutto e vedo molto, immagino anche quello che non esiste. “

Incipit: breve elogio dell’inizio

Desideravo preparare un testo dove si parlasse dell’inizio, degli inizi, delle prime volte e di quanto tutto ciò spesso ci affascini a tal punto da catturarci, tenerci incollati ad una pagina se è un libro, al video se è un post o un articolo. 

Libri per l’isolamento

Libri per l'isolamento, tipi da quarantena.Ho letto un libro, pochi giorni prima della quarantena. Era appena uscito. E in questo periodo, ci ho pensato spesso. Il primo dei libri per l'isolamento è "Senti che vento" di Eleonora Sottili.E’ il 2000, l’anno del nuovo...

Libertà, fronte e retro

Già, libertà. Ma che cosa intendiamo per libertà? Farci gli affari nostri? Stare con gli amici più cari? Fare ciò che più ci piace? Non curarci delle regole e dei limiti sociali? Dire ciò che ci passa per la testa?